Archivio

Posts Tagged ‘Windows’

Windows 2003 Boot.ini cancellato – ntoskrnl.exe mancante

20 marzo 2010 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Vi siete trovati nella situazione che il vostro server o pc non sia più avviabile per un sacco di motivi?

Vi consiglio di leggervi questa OTTIMA GUIDA, non stò a riscriverla perchè questa che ho trovato in rete è veramente fatta bene!
Oppure potete scaricarla in pdf da QUI (magari un giorno il loro sito non sarà più visibile :( )

Inoltre se avete tempo vi suggerisco di leggere queste ottime faq.

Nel mio caso era stato cancellato, da un’installazione di un programma, il file boot.ini (presente nelle versioni di Windows 2003 e precedenti, da Windows Vista questo file non eiste più).
Avviando il Server veniva indicato l’errore “generico” di ntoskrnl.exe mancante o danneggiato, pensando ad una corruzione del file ho pensato di avviare il server con un live Ubuntu 9.04 (o versione successiva) reperibile su internet per verificare che questo file correttamente esistesse. Infatti il file da varie verifiche esisteva e non era per nulla corrotto. Verificando inoltre alcune cose mi sono accorto che il file boot.ini era inesistente.
Ho recuperato un file boot.ini da un’installazione virtuale ma andandola a caricare sul disco la soluzione non funzionava.

Vi spiego allaro come procedere:

1) Avviate il Server con il cd-rom di windows (non importa la versione del Service Pack installata sul server e quella del cd-rom) e avviate la console di ripristino – potete leggere la guida di prima per come fare ATTENZIONE se il server è in Raid dovete crearvi il floppy con i driver del controller – Se avevate avviato il vostro server con linux allora potete leggere da lì la versione e marca controller.

2) Da console di ripristino fate un chkdsk C: (ceck disk dell’unità C:) non si sà mai che qualche settore del disco siano corrotti.

3) Ora andiamo a lavorare sul file boot.ini , prima lanciamo il comando bootcfg /scan , se comunque non siete sicuri o avete digitato male prima lanciate bootcfg /help per avere a disposizione tutte le opzioni

4) Se non ci sono errori potete lanciare bootcfg /rebuild , questo comando ricostruisce il boot. ini, vi verrà chiesto di aggiungere delle opzioni, non fate altro che scrivere /fastdetect , la guida microsoft stranamente è ben fatta per cui vi consiglio di seguirla alla lettera (la rendo disponibile in pdf nel caso nel tempo il link cambi). Un’ottima guida sulle specifiche del boot.ini le potete trovare qua.

Ora non fate altro che riavviare il server e tutto dovrebbe essere a posto. Se volete poi modificare alcune opzioni del file boot.ini andate in pannello di controllo, sistema opzione avvio e lì si apre blocco note per fare tutte le modifiche del caso.

Windows Home Server arrivò

18 agosto 2007 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Per la fine d’agosto 2007 (27 agosto) sarà disponibile in vendita il nuovo Server Home di Microsoft.
Le principali funzioni di questo server sono:

  • Backup centralizzati dei client (al massimo 10). La tecnologia utilizzata è quella della Single Instance Store, per evitare copie multiple degli stessi file che risiedono su diversi PC (ad esempio, i file del sistema operativo).
  • Monitoraggio dello stato dei computer, aggiornamenti. antivirus, firewall, incluso lo stato di ripristino di un pc ad una situazione precedente tutto da remoto.
  • Condividere file tramite rete P2P, utilizzare periferiche in comune e utilizzo della rete WiFi; inoltre implementa condivisione di messaggi e rubriche comuni. Altra funzione è l’integrazione estrema con la console XBox.
  • Il sito microsoft dedicato a questo nuovo sistema operativo basato su windows server 2003 Sp2 è questo.
Categorie:Informazioni Tag:

Eliminare la password di accesso in Windows

8 febbraio 2007 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Sulla rete compaiono sempre di più delle guide che indicano come modificare la password di accesso in windows. Il tool a prima vista sembra utile infatti, se ci si dimentica la password l’unico metodo per entrare in possesso della macchina sembra la formattazione.
In 2 siti ho trovato delle ottime guide che con un tool e 5 minuti di pazienza si riesce a cambiare la password di administrator o altro utente; le potete leggere ai seguenti link:

  1. Aranzulla – Eliminare la passowrd di accesso (Windows)
  2. Ciotoli Fabio – Recuperare password di accesso a Windows

Gli amministratori di sistema sono avvisati bloccare il boot di avvio da cd-rom, usb o floppy è essenziale per non incappare in questi problemi di sicurezza. Ovviamente anche per linux o mac valgono le stesse cose. Su mac, la stessa Apple fornisce il tool per modificare la password di sistema direttamente nel cd di installazione.

Opensource per Windows

21 dicembre 2006 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Windows e opensource non sono mai stati 2 termini che potevano andare daccordo ma da un pò di tempo ci sono molti programmi che vengono resi disponibili con licenza GPL anche per il mondo windows.
Si rimanda ad un sito che ha effettuato una raccolta di programmi opensource, molto utili, per l’utilizzo quotidiano del nostro personal computer.
Utilizzare un programma non vuol dire non pagare nulla per avere tutto, ma vuol dire libertà di scelta del software che si utilizza, libertà di modificarlo alle proprie esigenze e di renderle disponibili agli altri.
Il link del portale Opensourcewindows è questo. Fateci un salto, al massimo se non troviamo nulla di interessante (dubito) avremo almeno contribuito alla libertà di pensiero.

Come eliminare il dual boot Suse-Fedora e Win Xp?

22 maggio 2006 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Ho un HD sata-ide con 2 partizioni entrambe contegono un S.O. (windows xp e linux, ad esempio Suse o Fedora). Vorrei tenere solo windows ed eliminare il boot manager che si è creato sull’hd al momento di installare linux…come faccio?
Nulla di più semplice:
1) basta avviare il pc con il cd di installazione di Xp e aspettare che il cd carichi tutti i driver e poi schiaccire R alla prima schermata che corrisponde alla console di ripristino ( al momento in cui viene richiesto il ripristino di windows );
2) appena avviata la console di Xp (scegliendo l’opzione 1 corrispondente a C:\windows )
– digitate prima fixboot e digitando alla richiesta di correzione dell’errore s ( che sta ad indicare si o y per yes in sistemi operativi in inglese ) ed invio,
– digitate poi
fixmbr e anche in questo caso dite “s” e poi invio.
Ora potete togliere il cd rom e digitare exit e riavviare la macchina con il boot di Xp.
Per gestire la formattazione del disco con linux andate in panello di controllo e strumenti di sistema e poi in gestione computer e poi in gestione dischi, li eliminate il volume e poi formattate ( usate ovviamentente il tasto dx del mouse ).
Se invece usi il boot loader LILO:
(ad esempio con linux mandriva) per eliminarlo devi entrare in linux, aprire una console, digitare “su” (senza virgolette per prendere il privilegi di root, oppure entra direttamente con root in login) per entrare in root e da lì digitare “lilo -u” (sempre senza virgolette). Spegni il pc e riaccendi e a questo punto partirà solo win xp.

Nuova falla per Windows. Ma stavolta non c’è “patch”

4 gennaio 2006 1 commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Centinaia di milioni di computer in tutto il mondo potrebbero essere in serio pericolo. A lanciare l’allarme, un gruppo di esperti informatici americani che avrebbe scoperto nei giorni scorsi l’ennesima falla del sistema operativo Microsoft Windows. …………………..
E’ il caso di inizio anno per quanto riguarda il tema della sicurezza: una nuova ondata di attacchi su una falla nel modo in cui le versioni di Windows dalla 98 a XP gestiscono i file in formato WMF (Windows Metafile). Uno di questi attacchi si presenta in un messaggio di posta elettronica con soggetto ‘happy new year’ contenente un allegato chiamato ‘HappyNewYear.jpg’, che è un file WMF nascosto. Sebbene il file sia identificato a prima vista come JPEG, spiegano gli esperti, Windows ne riconosce il contenuto come WMF e cerca di eseguire il codice ivi contenuto. Il Chief Research Officer di F-Secure, Mikko Hypponen, ha spiegato nel suo blog che il file può essere avviato visualizzando semplicemente la cartella che lo contiene o anche consentendogli di essere indicizzato da utility di ricerca desktop, come ad esempio Google Desktop. Di fatto il codice sorgente per un nuovo exploit è già ampiamente disponibile su Internet, consentendo la creazione di nuovi attacchi con varie tipologie di payload. Il file ‘HappyNewYear.jpg’ ad esempio, cerca di scaricare la backdoor chiamata Bifrose.
Nel fine settimana ha poi dato dei consigli su come gli utenti potrebbero ridurre il rischio disabilitando una parte del sistema operativo, relativa alla libreria shimgvw.dll. Questa mossa, ha spiegato il vendor, ha d’altro canto come conseguenza il blocco di alcune funzioni di visualizzazione di immagini e fax.

OpenGL + Windows Vista

4 dicembre 2005 1 commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

openGL

Questo logo indica che non abbiamo nulla contro Windows a priori, ma che si vuole che OpenGL ( tecnologia OpenSource ) funzioni anche su Windows al massimo delle prestazioni!
Microsoft intende uccidere OpenGL rendendo questa applicazione una schifezza, riducendo le sue prestazioni su sistemi operativi VISTA, peccato che su Mac OSX e Linux questa tecnologia conviva da 5 anni senza problemi….