Archivio

Archivio per la categoria ‘Guide’

Differenza tra hosting convidiso e hosting su Vps

25 giugno 2017 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Dopo molti test e visti i prezzi in caduta libera per le Virtual Private Server di Aruba ho deciso di spostare il mio dominio su un server configurato da me basato ovviamente su Ubuntu e ottimizzato per quello di cui ho bisogno.
Differenze?
– Prima di tutto una migliore gestione della sicurezza disabilitando e abilitando all’occorrenza le funzionalità desiderate;
– Maggiori risorse dedicate ad Apache e php su cui si basa wordpress;
– Ip pubblico dedicato e non condiviso assieme ad altri hosting che solitamente finiscono nelle balck list;
– Un maggiore uptime che per questa tipologia raggiunge il 99,80%, e un down che prima non era mai programmato;
– Politiche di backup mirate, gestibili, flessibili e senza pagare oltre quello che già spendo;
– Risparmio in termini di costi annui;
– Utilizzo del serve anche per altre funzionalità;
Che dire un bel salto (speriamo non nel buio).

Categorie:Guide Tag: , ,

Quale browser sto usando?

2 giugno 2017 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

tryDifferentBrowser Non ci capisci proprio nulla di computer e fatichi alle volte a capire che domande ti fanno facendo al telefono per l’assistenza tecnica …… ?

Nessun problema, esiste un sito internet che ti informa con un clic con che browser usi… così da poter fare il saggio con il tecnico di turno :D

Il sito è questo: whatbrowser.org

Disabilitare e abilitare il touckpad Lenovo

2 giugno 2017 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

touchpadAvete il touchpad del vostro portatile Lenovo che non funziona più perchè è disattivo o disabilitato?
Beh allora non preoccupatevi, utilizzate questa combinazione di tasti: Fn + F6 (tasto “Fn” funzione in basso a sinistra vicino a CTRL + il tasto F6 che si trova in alto sopra il “5”).

Se non riuscite potete leggere anche quest’ottima guida sul sito support della Lenovo.

Categorie:Guide Tag: ,

Facebook e WhatsApp (disattivare/cancellare) perchè?

28 maggio 2017 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Quanti di voi hanno il desiderio di cancellarsi da Facebook o WhatsApp ma non lo fanno perchè hanno paura di perdere i contenuti o dover dare mille spiegazioni a tutti i veri amici?

Prima salviamo tutti contenuti che abbiamo postato in questi ultimi anni …. ecco come fare:

  1. Andare in impostazioni del vostro account Facebook


2) Dopo scorrete la pagina fino in fondo e troverete “Scarica una copia”. Dopo alcuni secondi vi verrà inviata una mail con la richiesta e successivamente una mail con un link riservato per poter scaricare tutto (foto, amici, post, like, video ecc.)

Leggete anche queste due guide:

  1. Cancellare tutti i post inseriti in Facebook per range di date in modo automatico;
  2. Perchè disinstallare Facebook, analisi di un’esperienza;
Categorie:Curiosità, Guide Tag: , ,

Differenze tra il sistema Apple ed il sistema Android

22 maggio 2017 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...

AppleVSAndroid

Qui di seguito troverete l’intervista che ho fatto per il Blog di ProntoPro sulle differenze tra il sistema Apple ed il sistema Android; analizzeremo quali sono le differenze, i vantaggi e gli svantaggi di entrambi i sistemi.

Le domande a cui ho risposto sono:
1) Quali sono le principali differenze tra il sistema Apple e il sistema Android?
2) Quali sono i vantaggi/svantaggi di questi due sistemi?
3) I computer Apple presentano delle notevoli differenze rispetto agli altri?
4) Come scegliere quale computer risponde al meglio alle proprie esigenze?

Per continuare a leggere l’intevista, cliccare qui.

Disabilitare l’avviso di login insicuro in Firefox

20 maggio 2017 2 commenti
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5,00 di 5)
Loading...

Vi siete un pò scocciati dell’avviso che appare quando mettete le vostre credenziali di login (nome utente e password) in un form di un sito che non utilizza una connessione sicura https?

Questo comportamento di Firefox attivo dalla versione 52 in poi (a me sinceramente ha scocciato) è abbastanza invadente in quanto la finestrella di avviso (che vedete qui a fianco) è grande e alle volte ingombrante.

Ho deciso pertanto, cosciente di quello che faccio, di disabilitare l’odioso avviso. Per farlo dovete digitare about:config nella barra dell’indirizzo di Firefox come potete vedere qui sotto, e poi cliccare su “Accetto i rischi”.


Fatto questo nella barra Cerca di motore di configurazione di Firefox dovete cercare: security.insecure_field_warning.contextual.enabled e poi averci fatto doppio clic sulla riga trovata rendendo il valore False.

Ora manca solo disabilitare il mancato salvataggio di nome utente e password per i siti non sicuri e lo potete fare cambiando un altro parametro: signon.autofillForms.http rendendolo true (sempre doppio clic sopra)

Godetevi ora Firefox vecchio stile… ma fate attenzione!!!

Caching SSD per Acer

2 maggio 2015 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 4,00 di 5)
Loading...

Eccovi una ottima guida invece per il caching dei portatili Acer:
Community Acer

La guida dettagliata spiega come procedere al caching nei portatili Acer, in quanto in questi portatili non è possibile attivare la modalità raid della porta sata.

Quindi per poter quindi sfruttare il disco SSD come cache bisogna utilizzare dei software di terze parti, poichè intel non ha ancora sviluppato un software per questo specifico caso.

Dopo aver installato il software come richiesto dalla guida le operazioni da svolgere sono le seguenti (mi raccomando di riavviare il pc prima di eseguire queste operazioni:

1.) Apri una finestra Dos come amministratore e digita “diskpart” + invio. Ora dovresti trovarti con DISKPART> ;
2.) Digita “list disk” (segnati il numero del disco che indetifica l’SSD);
3.) Ora digita “select disk xxx” (al posto delle xxx metti il numero del disco SSD che ti eri segnato prima);
4.) Digita “clean” , questo cancellerà tutto il contenuto del disco SSD in modo permanente;
5.) Digita “exit” (dovrebbe uscire dalla console Diskpart;
6.) Ora sempre da questa finestra dos digita “cd C:\Program Files\Condusiv Technologies\ExpressCache\” ;
7.) Digita “ECCmd.exe -partition xxx” (al posto delle xxx inserisci il numero dell’unità disco SSD segnato prima)
8.) Bene hai finito ora digita pure “ECCmd.exe -info” e verifica se alla voce Mounted compare yes, potri vedere le statistiche di utilizzo del disco ssd. Se compare no riavviare il pc ed edeguire nuovamente il passo 6 e il passo 8 con una finestra dos amministrativa. Se ancora non dovesse funzionare ripetere tutte le operazioni dal passo 1.

Categorie:Guide Tag: , , ,

Impostare disco SSD come cache – caching

2 maggio 2015 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Avete un disco meccanico un piccolo disco ssd (max 40 gb) affiancato che volete usare come disco di cache per ridurre i tempi di avvio e velocizzare le operazioni più frequenti?
Ecco come procedere:

1) devi impostare il controller in modalità RAID (si attiva da dentro il BIOS oppure nelle EFI, per accedere da pc con windows 8.1 avviato seguite questi passi: cliccate TASTO WINDOWS + C, clicca sul pulsante di spegnimento Riavvia ora e contemporaneamente tieni premuto il tasto SHIFT (quello per il tasto maiuscolo), Nella nuova schermata cliccare su Risoluzione dei problemi, Opzioni Avanzate, Poi Prompt dei Comandi)
2) installare Windows 7-8-8.1 normalmente (sul disco meccanico e più capiente)
3) al termine dell’installazione di windows installare i driver del controller SATA. Ad esempio con controller Intel, si scarica l’Intel Rapid Storage (questi dovresti trovarli direttamente sul sito intel); nel pannello di controllo dei driver sarà possibile attivare la cache, utilizzando fino a 40GB. (una volta impostata come cache, questa memoria non può essere usata in altro modo ammenoché non si cambi configurazione).

Categorie:Guide Tag: ,

windows 8.1 spostare cartella utenti e programmi

2 maggio 2015 2 commenti
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Avete la necessità di spostare su altra partizione le cartelle Program Files (x86) e la cartella Users?

Ecco la procedura da seguire con pc acceso (si ricorda sempre e comunque di fare un backup del pc prima di procedere e fare danni seri – e di provvedere a generare i dvd di ripristino del pc come chiesto dal produttore):

Segnatevi le lettere delle unità disco da Questo PC
Ora cliccate TASTO WINDOWS + C
clicca sul pulsante di spegnimento
Riavvia ora e contemporaneamente tieni premuto il tasto SHIFT (quello per il tasto maiuscolo)
Nella nuova schermata cliccare su Risoluzione dei problemi
Opzioni Avanzate
Poi Prompt dei Comandi

 

Ora dalla schermata DOS digitate:

diskpart
list volume
select volume N (N sta per il numero di volume che vedete in list volume e a cui volete cambiare le lettere per riportare la situazione come in ambiente windows desktop)
assign letter=XXXX (XXX lettera da assegnare da scrivere in maiuscolo – terminato il cambio lettere delle varie unità uscite da diskpart)
exit
robocopy /copyall /mir /xj C:\Users D:\Users
robocopy /copyall /mir /xj “C:\Programmi (x86)” “D:\Programmi (x86)”
rmdir /S /Q C:\Users
rmdir /S /Q “C:\Programmi (x86)”
mklink /J C:\Users D:\Users
mklink /J “C:\Programmi (x86)” “D:\Programmi (x86)”

exit

Terminato il lavoro riavviate il pc. Le guide in rete che si trovano sono incomplete e non portano ad un corretto risultato.

Categorie:Guide Tag: , ,

WordPress si blocca dopo aver installato un tema o plug-in

23 marzo 2015 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Avete installato un nuovo tema di wordpress oppure un plug in che non vi permetteno più di accedere al pannello di controllo, oppure non rendono più visibile il sito internet, quindi wordress è bloccato?wordpressNessun problema per ripristinare la situazione precedente. Basta collegarsi tramite servizio ftp (o usando il pannello di controllo dell’hosting) e rinominare il tema o plugin incriminato. I temi di wordpress si trovano in wordpress/wp-content/themes e i plugin in wordpress/wp-content/plugins .

Categorie:Guide Tag: ,

Linux e controllare UPS APC con apcupsd via Ethernet

21 marzo 2015 Nessun commento
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (Ancora nessun voto)
Loading...

Avete appena acquistato un gruppo di continuità Apc con possibilità di collegarlo alla rete aziendale con un bel cavo di rete? Bene questo è il primo passo per permettere ai server Linux di dialogare con l’Ups per lo shutdown automatico.

Il software che vi serve è Apcupsd con versione minima 3.14.xx o superiore, solitamente in rete si trovano i pacchetti anche per versioni server vetuste come la Ubuntu 7.10 e per Centos versione 3.

La configurazione del file non richiede più di 10 minuti, si ricorda prima che è necessario configurare l’ups assegnandoli un ip, un utente e la parchase.

Per Ubuntu dobbiamo andare nel percorso /etc/default/apcupsd
cercare la riga: “ISCONFIGURED=yes” ed impostarla ad yes, di default è no. Per Centos questo passaggio non c’è.
Configuriamo poi il file vero e proprio/etc/apcupsd/apcupsd.conf commentando le righe (aggiungendo un cancelletto)
#UPSTYPE apcsmart
#DEVICE /dev/ttyS0
ed inserendo queste nuove righe:
UPSCABLE ether
UPSTYPE pcnet
DEVICE ip_gruppo:utente_del_gruppo:password_parchase:3052

Al posto di ip_gruppo  e utente_del_gruppo e password_parchase inserite le informazioni necessarie senza spazi e pastrocchi ;)

A questo punto lanciamo il servizio con: sudo  /etc/init.d/apcupsd start , se il file è ok e non avete fatto errori il servizio si dovrebbe avviare e nell’interfaccia web del gruppo dovreste trovarvi il client collegato. Potete fare anche la verifica su linux lanciando il comando sudo  /etc/init.d/apcupsd status e dovrebbe restituirvi un messaggio simile:

APC      : 001,046,1138
DATE     : data_del_test
HOSTNAME : hostname_client
VERSION  : 3.14.xx (xxx September xxx) debian
UPSNAME  : xxxxxxxxxxxxx
CABLE    : Ethernet Link
DRIVER   : PCNET UPS Driver
UPSMODE  : Stand Alone
STARTTIME: data_del_test
MODEL    : Smart-UPS XXXXXXXXX
STATUS   : ONLINE
LINEV    : 219.3 Volts
LOADPCT  :  32.2 Percent Load Capacity
BCHARGE  : 100.0 Percent
TIMELEFT :  23.0 MinutesMBATTCHG : 5 Percent
MINTIMEL : 3 Minutes
MAXTIME  : 0 Seconds
MAXLINEV : 219.3 Volts
MINLINEV : 219.3 Volts
OUTPUTV  : 229.7 Volts
DWAKE    : 010 Seconds
DSHUTD   : 120 Seconds
DLOWBATT : 02 Minutes
LOTRANS  : 160.0 Volts
HITRANS  : 265.0 Volts
ITEMP    : 22.0 C Internal
ALARMDEL : Always
BATTV    : 218.3 Volts
LINEFREQ : 50.0 Hz
LASTXFER : No transfers since turnon
NUMXFERS : 0
TONBATT  : 0 seconds
CUMONBATT: 0 seconds
XOFFBATT : N/A
SELFTEST : OK
STESTI   : 336
STATFLAG : 0x07000008 Status Flag
REG1     : 0x00 Register 1
REG2     : 0x00 Register 2
REG3     : 0x00 Register 3
MANDATE  : XX/XX/2014
SERIALNO : XXXXXXXXXXXXXXX
BATTDATE : XX/XX/2014
NOMOUTV  : 230 Volts
FIRMWARE : UPS 02.6 (ID1001)
END APC  : xxxxxxxxxxxxxxx +0100

Se il messaggio restituito invece è questo:

APC      : 001,019,0515
DATE     : Tue Mar 17 23:23:02 CET 2015
HOSTNAME : xxxxxxxxx
RELEASE  : 3.14.xxx
VERSION  : 3.14.xxx (xxxxxx) debian
UPSNAME  : xxxxxxxx
CABLE    : Ethernet Link
MODEL    : PCNET UPS Driver
UPSMODE  : Stand Alone
STARTTIME: Tue Mar xxxxxx CET 2015
STATUS   : COMMLOST
MBATTCHG : 5 Percent
MINTIMEL : 3 Minutes
MAXTIME  : 0 Seconds
NUMXFERS : 0
TONBATT  : 0 seconds
CUMONBATT: 0 seconds
XOFFBATT : N/A
STATFLAG : 0x07000100 Status Flag
END APC  : Tue Mar xxxxx CET 2015
Il collegamento non è andato a buon fine, attendete un pò di minuti e rieffettuate il test. Questo sistema funzione correttamente solamente se il gruppo ed il server si trovano sulla stessa sottorete, ma qualora il gruppo e il server stiano in sottoreti diverse ma grazie ad un routing/nat riescono a dialogare allora si deve cambiare la configurazione e ci si deve server di un server presente nella sottorete del gruppo come master della comunicazione.
Per lo slave (server in altra sottorete) cambiate la configurazione di apcupsd.conf in questo modo:
#UPSTYPE apcsmart
#DEVICE /dev/ttyS0
UPSCABLE ether
UPSTYPE net
DEVICE ip_del_server_master:3551
Ed il gioco è fatto!